In vetrina

Amare il proprio cane senza doversi giustificare con gli altri

Amare il proprio cane senza doversi giustificare con gli altri

Autore: Desiree Fumetto Pet Shop

Prima di andare ad approfondire alcuni perché, dobbiamo costatare che qualcosa di profondo  ci accomuna. E non è solo il rispetto per gli animali in generale o il grande amore che ci lega al nostro cane. E’ qualcosa che va oltre.

E’ quel senso di reale appagamento interiore che sentiamo in noi quando gli stiamo vicini, quando giochiamo con lui, quando ci “dormiamo” un film insieme sul divano, quando puliamo le sue scodelle, quando lo portiamo dal veterinario, quando rinunciamo ad una vacanza se non può venire con noi, quando lo guardiamo negli occhi per dirci tutte quelle cose che il linguaggio degli uomini non prevede.

Nulla è più bello di costatare che in quelle serate di freddo e pioggia, quelle in cui chiunque abbia un minimo di buon senso se ne starebbe a casa, noi siamo fuori, ognuno con il suo cane. Un team di “gente strana” per alcuni. Per coloro che a turni ci domandano: “ma chi te lo fa fare?”.
Ed anche se è vero che a volte lo facciamo borbottando, non ha importanza. Ciò che conta è che il benessere e la felicità del nostro cane valgono molto di più di qualche sacrificio. Sono una somma di sentimenti ed emozioni che “ce lo fanno fare”.
Perché ciò che in realtà ci accomuna è che nessuno di noi li guarda solo con gli occhi.
Se così non fosse, vedremmo naturalmente quello che vedono in tanti: un cane.

Negli ultimi 30 anni, un importante numero di scienziati ha focalizzato i propri studi sul valore delle emozioni positive, sull’importanza che ha per ogni individuo il potersi realizzare nelle varie sfere che sono parte intrinseca del nostro essere persone.
Partendo dal  presupposto che il valore della nostra  persona è  sempre unico, prezioso ed indiscutibile.

Gli studiosi Deci e Ryan hanno identificato 3 sfere che ogni essere umano deve soddisfare per realizzarsi nella sua interezza e raggiungere la felicità:
La sfera della Competenza: il bisogno di integrarsi in un contesto all’interno del quale poter sviluppare le proprie abilità.
La sfera dell’Autonomia: il bisogno di essere liberi di governare la propria vita in base ai propri valori e potenzialità.
La sfera della Relazionalità: il bisogno di costruire ed avere relazioni sociali all’interno delle quali  identificarsi e soddisfare il proprio senso di appartenenza.
Allo stesso modo, studiosi come Seligman, Goleman, Maslow, Whitmore ed altri si sono dedicati allo studio delle potenzialità. Sia quelle di specie che quelle personali.

Ed è prendendo atto di noi come individui, ma anche come persone che meritano di essere felici, che capiremo perché viviamo in maniera così profonda alcune emozioni e perché è così bello ritrovarsi a parlare con chi in maniera naturale le vive allo stesso modo nostro.
Solo chi vive la relazione con il proprio cane in un clima assolutamente empatico, chi nella propria sfera affettiva gli riconosce un ruolo profondo ed importante, chi si sente completo quando lo ha vicino sarà in grado di dare  significato ad ogni azione che compie per lui.

E questo è perché entrano in gioco potenzialità personali che vengono soddisfatte vivendo il rapporto in questo modo.
Prima tra tutte l’intelligenza emotiva che ha al suo interno diverse sfaccettature: il saper leggere le emozioni ed i sentimenti; il riuscire a decodificare i significati di felicità, amore, paura, sorpresa o tristezza; il saper comunicare attraverso le azioni con chi ha come voce solo il linguaggio del corpo.

A chi non è capitato di doversi quasi giustificare del modo in cui vive la relazione con il proprio cane! Fino ad  arrivare a situazioni estreme dove ci si vorrebbe quasi far sentire colpevoli di qualcosa non meglio precisato.

Ma le emozioni non si spiegano. Le emozioni si vivono. E si condividono con chi si identifica con noi.
Non dobbiamo avere l’aspettativa che la nostra “mappa del mondo affettivo” coincida con quella di tutti gli altri. Non riusciremo mai ad evitare di incrociare persone che si riterranno nel dovere di ricordarci che uno dei nostri affetti più importanti è “solo un cane”.
Sarà importante in quei momenti ricordarci serenamente dei nostri valori. Valori che ci fanno rispecchiare all’interno di un nostro gruppo di appartenenza dove ci sentiamo capiti, valorizzati e realizzati.

cane bimbo a letto

E se questo non bastasse sarà sufficiente in determinati momenti guardare negli occhi colui che cammina al nostro fianco a quattro zampe. Secondo Voi, incrociandosi con i propri simili gli domanderà mai: “perché lo ami così tanto, se è solo un umano ? ”…

 

Stampa
Tags: animali
Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Comments are only visible to subscribers.

Categorie

Con la promo CARD puoi ottenere i migliori sconti dalle attività commerciali e dai professionisti della zona.

La Promo CARD è GRATUITA, per averla basta seguire una semplice procedura online. Per attivare la tua promoCARD: CLICCA QUI

 

Ultimi contentuti